Kristen Stewart “Se i ruoli gay andassero solo ad attori gay io non potrei più recitare ruoli da etero” e si prepara per diventare Lady Diana

VENICE, ITALY - AUGUST 30: Kirsten Stewart attends "Seberg" photocall during the 76th Venice Film Festival at Sala Grande on August 30, 2019 in Venice, Italy. (Photo by Franco Origlia/Getty Images)
VENICE, ITALY – AUGUST 30: Kirsten Stewart attends “Seberg” photocall during the 76th Venice Film Festival at Sala Grande on August 30, 2019 in Venice, Italy. (Photo by Franco Origlia/Getty Images)

Ormai ad Hollywood ogni giorno c’è una polemica nuova, quella degli ultimi giorni è dettata da questa nuova corrente pseudo-politically correct che vorrebbe che ad interpretare personaggi gay, fossero unicamente attori ed attrici omosessuali.

Kristen Stewart (31), sebbene molto giovane, è forse una delle personalità più indicate per esprimersi in merito a questa curiosa questione.

La Stewart infatti è divenuta famosissima all’alba dei suoi 20 anni, quando ancora si riconosceva come eterosessuale ed anzi si rendeva protagonista di gossip esplosivi.

(Tutti ricordiamo quando venne beccata in intimità con Rupert Sanders, regista di Biancaneve e il cacciatore, il tutto mentre lui era sposato e lei ufficialmente fidanzata con Robert Pattinson.)

Tuttavia qualche anno dopo è arrivato un clamoroso dietrofront, Kristen ha cominciato a sfoggiare look decisamente più androgini, e a sfilare per Los Angeles con le fidanzate di turno.

Attualmente la Stewart è fidanzata con la sceneggiatrice Dylan Meyer, di cui si dice innamoratissima e per cui presto potrebbe scattare la fatidica proposta.

Durante la promozione del suo ultimo lavoro, Happiest Season, che racconta proprio un amore omosessuale, Kristen ha parlato di questo tema con Variety.

“Ci penso tutto il tempo”, ha ammesso Kristen. “Essendo qualcuno che ha avuto così tanto accesso al lavoro, ho semplicemente vissuto con una tale abbondanza creativa. Sai, una giovane ragazza bianca che era eterosessuale e solo in seguito è stata gay ed è, tipo, magra – sai cosa intendo? Riconosco che è come se avessi appena iniziato in quel senso.”

“Detto questo, è una conversazione scivolosa perché questo per me significherebbe non poter mai interpretare un altro personaggio etero se volessi seguire questo principio alla lettera. Penso che sia una zona grigia. Ci sono modi per gli uomini di raccontare storie di donne o modi per le donne di raccontare storie di uomini, ma dobbiamo curare e capire ciò che raccontiamo. Devi capire cosa ti è permesso fare. Se stai raccontando una storia su una comunità e loro non ti danno il benvenuto, allora vaffanculo. Ma se lo sono, e tu stai diventando un alleato e c’è qualcosa che ti ha attirato lì e che ti rende dotato di una prospettiva unica che potrebbe essere utile, non c’è niente di sbagliato nel imparare l’uno dell’altro aiutandosi a vicenda a raccontare storie.”

Kristen ha anche sottolineato che la co-protagonista Mackenzie Davis, che interpreta Harper nel film, non è una persona che si identifica come lesbica. Era l’unica persona nella mia mente che avrebbe potuto interpretare questo ruolo con me. A volte, artisticamente, sei solo attratto da un certo gruppo di persone e vuoi lavorare con loro. Potrei difenderlo, ma sono sicura che qualcuno con una prospettiva diversa potrebbe farmi sentire male per questo – e poi farmi rinnegare su tutto ciò che ho appena detto “, ha aggiunto. “Conosco il mondo in cui viviamo. E non vorrei assolutamente approfittare dell’opportunità di qualcun altro di farlo – mi sentirei malissimo.”

Kristen ha concluso “Non credo di avere una risposta certa, posso solo dire ‘pensate a ciò che state facendo! E non fate gli stronzi”.

Happiest Season, scritto e diretto da Clea DuVall, vede Kristen Stewart nel ruolo di Abby, una giovane che ha intenzione di chiedere alla sua fidanzata Harper (Davis) di sposarla durante la tradizionale cena di Natale della sua famiglia, fino al momento in cui si rende conto che Harper non ha detto ai suoi di essere gay.

Nel cast ci sono anche Alison Brie, Aubrey Plaza, Daniel Levy, Mary Holland, Burl Moseley, Victor Garber e Mary Steenburgen.

Presto Kristen Stewart interpreterà Lady D in un nuovo biopic, Spencer, e seguendo le logiche di questa polemica il ruolo dovrebbe essere affidato a qualcun altro..

Sinceramente penso che quando si parla di arte e di lavoro sia rischioso decidere a tavolino sulla base di una materia assolutamente non artistica chi merita di più un ruolo. Quando si tratta di cinema dovrebbe prevalere il talento, non il politicamente corretto a prescindere.

Facendo un discorso al contrario quindi Kristen Stewart non dovrebbe più interpretare personaggi eterosessuali, come nemmeno Matt Boomer, Luke Evans, e tanti altri attori ed attrici omosessuali le cui scelte artistiche sarebbero altrettanto limitate.

Per non parlare di alcuni attori eterosessuali che hanno portato a casa performance epocali e iconiche nonostante non fossero affatto gay.

Come nel caso del blackwashing, credo che Hollywood stia cadendo vittima di un buonismo che non gli è mai appartenuto, e ci troveremo dei prodotti artistici snaturati solo per far piacere a qualche ideale che ha poco a che fare con l’arte.

Kristen Stewart “Se i ruoli gay andassero solo ad attori gay io non potrei più recitare ruoli da etero” e si prepara per diventare Lady Dianaultima modifica: 2020-11-26T17:37:34+01:00da jessy912
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *