Christopher Meloni torna in “Law & Order” e ricorda che “Benson e Stabler sono legati per sempre”

Christopher Meloni (59) sta per tornare a vestire i panni dell’amatissimo Elliot Stabler nel nuovo spinoff di Law & Order: “Organized Crime”.

Parlando con il New York Post della possibile reunion tra Elliot e la sua collega di sempre, Olivia Benson, l’attore ha rivolto un pensiero ai tanti fan orfani della coppia più bella della tv.

“Benson e Stabler sono legati indissolubilmente, connessi e incatenati. Penso che ci sia un dramma implicito veramente e profondamente importante da esplorare nella loro relazione e nella complessità di come Stabler se ne è andato. Un sacco di emozioni irrisolte che sentono entrambi i personaggi e i fans”.

E finalmente la reunion avverrà: Meloni tornerà nella première della nuova stagione di “Law & Order Special Victims Unit” prima di approdare nel suo nuovo spin-off.

L’attore aveva lasciato andare il suo personaggio più famoso nel 2011, alla fine della 12esima stagione perchè deciso a fare altre esperienze.

Tuttavia sembra che Christopher non sia rimasto soddisfatto dell’addio di Stabler “Il modo in cui il mio personaggio se ne è andato è stato davvero insoddisfacente, penso. Non so quanti episodi crossover faremo, penso solo che ci saranno molte possibilità. La gente sarà sempre desiderosa di vedere come interagiamo e come sono cambiate le dinamiche.”

Non tutti erano sicuri che la serie sarebbe sopravvissuta all’addio di uno dei suoi protagonisti principali, e più amati, ma Mariska Hargitay (56) e i nuovi colleghi sono riusciti a riempire il vuoto e a fare di “Law and Order SVU” la serie più longeva della tv con le sue 21 stagioni.

Sarà comunque bellissimo ritrovare Christopher e Mariska sullo stesso set, dato che i due attori sono ottimi amici, e negli anni ci hanno regalato un sacco di foto delle loro rimpatriate.

 

Christopher Meloni torna in “Law & Order” e ricorda che “Benson e Stabler sono legati per sempre”ultima modifica: 2020-07-07T22:20:56+02:00da jessy912
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *