Megan Fox difende Michael Bay e Steven Spielberg “Non mi hanno molestata, sono altri i mostri!”

In un clima esplosivo per le lotte sociali è tornata alla luce un’intervista fatta da Jimmy Kimmel a Megan Fox nel 2009 in merito alla partecipazione dell’attrice ad alcuni extra per “Bad Boys II”, diretto da Michael Bay, con cui anni dopo lavorò nel franchise di “Transformers”.

“Avevo appena compiuto 15 anni ed ero negli extra di Bad Boys II. Giravano questa scena da club e mi hanno portata dentro con indosso un bikini a stelle e strisce e un cappello da cowboy, con dei tacchi alti. Lui ha approvato e gli hanno detto ‘Michael, ha 15 anni perciò non puoi farla sedere al bar e non può avere un drink in mano.’ Perciò la sua soluzione al problema è stata farmi ballare sotto una cascata e farmi bagnare completamente”.

“Perfettamente sensato” commentò ridendo Kimmel “Avevo 15 anni ero in seconda liceo. Questo è una specie di microcosmo di come funziona la mente di Bay” disse Megan “Beh, penso sia il modo in cui funzionano tutte le nostre menti” rise Jimmy, ma Megan chiaramente a disagio rispose “Alcuni di noi hanno la decenza di reprimere quei pensieri e fingere che non esistano”.

Dopo che l’intervista è diventata virale i fans sono corsi in soccorso di Megan contro Bay e Spielberg (produttore dei film). Ma soprattutto è cominciata a girare la voce che l’attrice abbia dovuto lavare l’auto del regista indossando solo un bikini, quando era ancora minorenne per vincere l’audizione di “Transformers”.

“Sebbene ringrazio davvero per questo enorme sostegno, sento il bisogno di chiarire alcuni dettagli che si sono persi in queste rielaborazioni degli eventi dando un’ombra sinistra che non è reale. Avevo circa 15 o 16 anni quando entrai negli extra di Bad Boys, ci sono molte interviste in cui condivido quell’aneddoto (…) E’ inoltre importante notare che quando ho fatto l’audizione per Transformers di anni ne avevo 19 o 20. Ho lavorato (io che fingevo di sapere come si tiene un cacciavite) su una delle Ferrari di Michael durante le audizioni. Eravamo in un parcheggio degli studios, c’erano molti altri membri del cast e impiegati presenti e non ero svestita o nulla di simile. In questa storia particolare non ero minorenne e non mi è stato chiesto di lavare o lavorare sulla macchina di qualcuno, o di fare altro che non riguardasse la sceneggiatura. Qualsiasi opinione vi siate fatti spero si basi sugli eventi reali.”

“Per piacere ascoltatemi quando vi ringrazio per il vostro sostegno. Ma questi casi specifici sono stati irrilevanti in un lungo e difficile viaggio durante il quale ho vissuto alcune esperienze veramente strazianti in un’industria spietatamente misogina. Ci sono molti nomi che meritano di diventare virali nella cultura della ‘cancellazione’ di certe persone in questo momento, ma sono memorizzati in modo sicuro nei recessi frammentati del mio cuore. Ma quando si tratta delle mie esperienze dirette con Michael e Steven per quella materia, non sono mai stata aggredita o depredata in un modo sessuale.”

 

Megan conclude “Sono grata a tutti voi che siete abbastanza coraggiosi da parlare e sono grata a tutti voi che lo state prendendo in carico per sostenere, elevare e portare conforto a coloro che sono stati danneggiati da una società violenta e da un paradigma tossico.”

Un esempio di maturità da parte della Fox, che nonostante i pessimi rapporti con Michael Bay (venne licenziata dal franchise dopo aver detto: ‘lavorare con lui è come lavorare con Hitler’) e gli insulti pubblici che seguirono, ha voluto ristabilire la verità, e aggiungere che ci sono altri personaggi che meriterebbero davvero di essere sbattuti sulle prime pagine.

Bay ha commentato la notizia ripubblicando le parole di Megan e aggiungendo “C’è ancora la sua audizione registrata di 13 anni fa. Personalmente penso che Megan sia fantastica, sono fiero di aver lavorato con lei, e pianifico di farlo ancora”.

Megan Fox difende Michael Bay e Steven Spielberg “Non mi hanno molestata, sono altri i mostri!”ultima modifica: 2020-06-24T23:42:43+02:00da jessy912
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *