Lea Michele accusata di razzismo, Samantha Ware dichiara “Hai reso la mia vita un inferno!” ma in realtà..

Lea Michele (33) è nel pieno della bufera a causa di un tweet di una ex collega.. Tale Samantha Ware (28) che ha risposto ad un tweet che l’attrice aveva pubblicato a favore del movimento Black Lives Matter che diceva “George Floyd non meritava questo. Non è stato un incidente isolato e deve finire”.

L’attrice che aveva partecipato alla sesta ed ultima stagione di Glee ha commentato “DIVERTENTE. RICORDI QUANDO HAI RESO IL MIO PRIMO RUOLO IN TV UN INFERNO?!?!? PERCHE’ IO NON LO DIMENTICHERO’ MAI. PENSO TU ABBIA DETTO A TUTTI CHE SE AVESSI AVUTO L’OPPORTUNITA’ MI AVRESTI CAGATO NELLA PARRUCCA! INSIEME A TUTTE LE TRAUMATICHE MICROAGGRESSIONI CHE MI HANNO FATTO METTERE IN DUBBIO LA MIA CARRIERA AD HOLLYWOOD”.Subito dopo anche Alex Newell (quinta stagione) e Amber Riley (tra il cast originale dello show dalla prima stagione) hanno twittato alcune gif che hanno lasciato ben intendere che l’esperienza di Samantha non fosse isolata, a seguire anche Melissa Benoist (nel cast di Glee dalla quarta stagione in poi) ha messo like ad una pioggia considerevole di tweet che andavano contro la Michele.

Canonico si riferiva alle voci che si sono rincorse negli anni in merito al fatto che Lea si comportasse ‘da diva’ sul set, voci alimentate anche dalla faida con Naya Rivera, che però al momento ancora non si è espressa.

GLEE: Santana (Naya Rivera, L) and Rachel (Lea Michele, R) perform in the “Dance With Somebody” episode of GLEE airing Tuesday, April 24 (8:00-9:00 PM ET/PT) on FOX. (Photo by FOX via Getty Images)

Le voci delle liti tra Lea e Naya si sono susseguite per anni, sempre debolmente smentite, e alla fine nel suo libro di memorie la Rivera ha ammesso “Lea ha problemi a dividere la luce dei riflettori!”

Secondo l’attrice latina “Faceva fatica a separare il lavoro dall’amicizia fuori, cosa più facile per me.. Lea era più sensibile e a volte sembrava mi biasimasse per qualsiasi cosa andasse storto. E se mi lamentavo di qualcosa dava per scontato che ce l’avessi con lei. Presto ha iniziato ad ignorarmi e alla fine siamo arrivate al un punto in cui non mi ha rivolto la parola per tutta la sesta stagione.”

Alla fine anche Lea (attualmente incinta del suo primo figlio) ha parlato..

In un comunicato pubblico ha dichiarato “Una delle lezioni più importanti di queste ultime settimane è che dobbiamo prenderci il tempo per ascoltare ed imparare delle prospettive degli altri e circa il nostro ruolo o tutto quello che possiamo fare per aiutare e affrontare le ingiustizie. Quando ho twittato l’altro giorno voleva essere un modo per mostrare sostegno ai nostri amici e vicini e alla comunità di colore durante questo momento difficile, ma la risposta che ho ricevuto a quello che ho postato mi ha fatto concentrare specificatamente su come il mio stesso comportamento verso i miei ex colleghi di cast sia stato percepito da loro. Anche se non ricordo di aver mai fatto quella specifica dichiarazione, e non ho mai giudicato gli altri per il loro background o colore della pelle, non è questo il punto. Quello che importa è che chiaramente mi sono comportata in modi che hanno ferito le persone. Che sia stata la mia posizione privilegiata e la mia prospettiva a causarmi di essere percepita come insensibile o inappropriata a quei tempo o solo la mia immaturità e il mio essere insensatamente difficile, chiedo scusa per il mio comportamento e per ogni dolore io abbia causato. Possiamo tutti crescere e cambiare e io ho certamente usato gli ultimi mesi per riflettere sui miei errori. Tra pochi mesi diventerò madre e so che devo lavorare sul migliorare me stessa e prendermi la responsabilità delle mie azioni, per poter essere un modello per mio figlio e potergli insegnare le mie lezioni e i miei sbagli, perchè possa imparare da me. Ho ascoltato queste critiche e sto imparando mentre me ne dispiaccio. Sarò migliore in futuro grazie a questa esperienza.”

Gerard Canonico, attore di Broadway che aveva lavorato con lei ai tempi di Spring Awakening ha risposto “Eri un incubo per me e per tutto il cast secondario. Ci hai fatto sentire come se non fosse il nostro posto. Ho cercato per anni di essere gentile con te ma invano. Magari scusati invece che biasimare gli altri per come ‘ti percepiscono’.”

La verità è che Lea Michele non è mai stata razzista (come sembrava dal primo tweet della Ware), era ‘solo’ una stronza che se la credeva troppo, poi la vita (e lo showbiz) le ha fatto capire che doveva volare più basso..

Forse ha imparato davvero o forse imparerà da questa esperienza.

Ai suoi futuri colleghi l’ardua sentenza.

Lea Michele accusata di razzismo, Samantha Ware dichiara “Hai reso la mia vita un inferno!” ma in realtà..ultima modifica: 2020-06-03T21:57:08+02:00da jessy912
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *