Lana Del Rey contro tutte “Va bene cantare di essere sexy, mentre io sono un’isterica perchè racconto la realtà!”

Negli scorsi giorni Lana Del Rey (34) si è lasciata andare ad un lungo sfogo via Instagram che è diventato virale, acchiappando più di un milione e mezzo di ‘like’.

Prima di annunciare l’uscita di due suoi libri di poesie e di un nuovo album, previsto per il 5 settembre, l’artista ha attaccato il sistema musicale che l’ha sempre denigrata, facendo nomi e cognomi di alcune colleghe.

“Ora che Doja Cat, Ariana Grande, Camila, Cardi B, Kehlani, Nicki Minaj e Beyoncé hanno scalato le classifiche con canzoni che parlano solo di essere sexy, di non indossare vestiti, di fare sesso, di tradire, etc posso tornare a cantare il fatto di sentirmi bella perché sono innamorata anche se la relazione non è perfetta, di ballare in cambio di soldi o di qualsiasi altra cosa io voglia senza essere crocifissa o sentirmi dire che sto rendendo glamour gli abusi nei miei testi?”.

La cantante di “Born This Way” continua dicendo di “non sopportare più chi dice che rendo romantici gli abusi. Io canto semplicemente la realtà, che è formata principalmente da relazioni emotivamente sbilanciate. Flash News: questo accade a molte donne! (…) è patetico che le parole delle mie canzoni, che raccontano alcune mie relazioni dove sono stata passiva o emotivamente sottomessa, hanno portato le persone a dire che ho portato la lotta per la parità femminile indietro di 100 anni”.

Lana spiega di sentirsi assolutamente femminista, ma che nel femminismo ci deve essere un posto anche per “donne come me, donne che dicono no, ma gli uomini capiscono sì, […] donne che si sono viste strappare le loro storie e le loro voci da donne più forti o da uomini che le odiano”.

Dopo 10 lunghi anni “pieni di recensioni terribili da parte della critica […], mi sento di aver spianato la strada ad altre donne che non devono più fingere di essere felici per forza, ma che si sentano libere di dire ciò che vogliono nelle loro canzoni, mentre io, quando nei miei primi dischi cantavo la tristezza, sono stata definita un’isterica, come se fossimo ancora nel 1920”.

Comunque, conclude, “spiegherò meglio i miei sentimenti nei due libri di poesie che sto per pubblicare e nel mio album, in uscita il 5 settembre”.

Subito dopo la cantante è stata tacciata di razzismo, per aver citato molte colleghe di colore, ma lei ha subito replicato “Adoro queste cantanti e le conosco. Sono state al numero 1 in classifica con canzoni che parlano di essere sexy, di non indossare vestiti, di scopare, di tradire, ecc…Questo è il motivo per cui le ho citate. Vorrei anche io avere la stessa libertà di espressione senza essere considerata isterica. Ecco”.

“I cantanti che ho citato sono i miei cantanti preferiti, quindi se volete travisare fate pure, questo non cambia il fatto che non ho avuto la stessa opportunità di esprimere ciò che volevo senza essere massacrata. E se volete sostenere che questo abbia a che fare con un discorso di razza, è la vostra opinione ma non è quello che stavo sostenendo”.

E ha aggiunto: “Ultima cosa: quando ho accennato a persone che mi assomigliano, intendevo chi non sembra forte o necessariamente intelligente, chi non sembra avere il controllo. Si tratta di sostenere personalità più delicate, non donne bianche”.

“È triste pensare alla questione razziale quando parlo delle mie cantanti preferite. Avrei potuto nominare letteralmente chiunque, ma ho scelto le persone che preferisco. E questo è il problema con la società di oggi, non tutto riguarda quello che vorresti. È esattamente il punto del mio post: ci sono alcune donne che per la cultura non dovrebbero avere una voce, ma questo potrebbe non avere a che fare con la razza o con non so che altro. Non mi interessa, ma non datemi mai più della ‘razzista’, perché è una cazzata”.

Lana Del Rey contro tutte “Va bene cantare di essere sexy, mentre io sono un’isterica perchè racconto la realtà!”ultima modifica: 2020-05-22T22:20:43+02:00da jessy912
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *