Lea Michele: cover, Beatles e polemiche per Cory Monteith

lea michele, cory monteith, jack klugman, tributo cory monteith, quinta stagione glee, beatles, episodio tributo

Come dovreste sapere a questo punto, il 26 settembre andrà in onda il primo episodio della quinta stagione di Glee: “Love, Love, Love”, uno speciale tributo ai Beatles che il cast e i produttori preparavano da quattro anni!

Due giorni prima sarà disponibile su iTunes la raccolta “Glee Sings The Beatles”, la cui prima traccia sarà una cover di “Yesterday” cantata dalla divina Lea Michele.

La new entry Demi Lovato duetterà invece con Naya Rivera “Here Comes The Sun”, ed il cast canterà anche “A Hard Day’s Night” e “Let It Be“.

Qui le trovate tutte

Il tributo di Glee ai Beatles proseguirà anche nel secondo episodio “Tina in the Sky With Diamonds”, a cui seguirà quello dedicato a Cory Monteith, l’attore morto lo scorso luglio che, oltre a essere uno dei protagonisti principali della serie, era anche il fidanzato di Lea Michele.

In settimana la bell’attrice, apparsa in giro per Los Angeles con l’immancabile collanina col nome del fidanzato, ha posato per la segretissima cover di un magazine “Oggi servizio fotografico per la copertina di una delle mie riviste preferite di tutti i tempi! Questa sarà di un altro livello.. #weekendlavorativo”

Di un altro livello anche la sfuriata di Adam Klugman, figlio del solo e unico “Quincy”, Jack Klugman.

Adam si è pubblicamente indignato dopo che durante gli Emmy Awards di domenica sera è andato in ondata un tributo “In memoriam”, che citava tra gli altri proprio Cory Monteith, e scordava invece il padre, storico volto della tv anche per la sua interpretazione di Oscar Madison ne “La strana coppia”.

“Penso che sia criminale. E’ un insulto e mi sembra davvero tipico di questa cultura giovani-centrica che ha davvero una capacità d’attenzione davvero breve e riservata ad una ristretta cerchia demografica (i giovani adulti). Non voglio dire nulla di denigratorio nei confronti di Cory (Monteith) ma era un ragazzino che non ha vinto Emmy e si è procurato la sua stessa tragedia.”

Il produttore della cerimonia, Ken Ehrlich, ha risposto con questo comunicato “Per una generazione più giovane, il ritratto che Cory Monteith ha fatto di Finn Hudson era davvero ammirato, e i produttori sentivano di doverlo includere”.

Tuttavia un volto eccezionale come quello di Jack, deceduto il 24 dicembre 2012 a 90 anni e protagonista della tv per oltre 50, è stato snobbato.. Non sentivano nessun dovere in questo senso?

Lea Michele: cover, Beatles e polemiche per Cory Monteithultima modifica: 2013-09-22T19:50:00+02:00da jessy912
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *