Cory Monteith è morto per un mix di alcol ed eroina. Lea Michele affronta il lutto con la famiglia del fidanzato

cory monteith, lea michele, morte cory monteith, dianna agron, naya rivera, jenna ushkovitz, funerale, overdose, eroinaAlla fine, putroppo, i sospetti iniziali si sono rivelati veri: Cory Monteith è deceduto a causa di un mix letale di alcohol ed eroina.

La polizia di Vancouver martedì ha annunciato “I risultati del coroner supportano le ricerche dei nostri investigatori e le loro credenze circa gli esami iniziali, non c’è stata violenza, si è trattato di un’overdose accidentale. Un mix di droghe tossiche che comprende eroina ed alcohol. Era piuttosto chiaro che non c’è stata lotta e c’erano prove nella stanza di un consistente uso di droga. Crediamo che quando l’ha presa fosse solo”.

L’attore è tornato nella sua stanza alle 2.15 di mattina di sabato 13 luglio, e il suo corpo è stato trovato solo diverse ore dopo il decesso.

Gli investigatori hanno anche interrogato due donne ed un uomo che hanno passato con Cory la sua ultima sera al bar prima della morte: “Sono stati molto collaborativi e, a meno che non venga alla luce qualche nuova informazione, non procederemo ulteriormente con le indagini” ha spiegato la portavoce della polizia di Vancouver.

Infatti “Non ci sono leggi in Canada per cui possiamo accusare chi fornisce droga ad un individuo. C’è un rischio di fondo nell’uso di droghe illecite e non c’è nulla in questa situazione che ci spinga a proseguire con le indagini”.

L’attore è stato cremato martedì 16 Luglio a Vancouver dopo una visione privata e una breve cerimonia di fronte alla famiglia e alla fidanzata Lea Michele.

Lo stesso giorno il portavoce della Michele ha spiegato “E’ profondamente grata per tutto il supporto ricevuto dalla famiglia, dagli amici e dai fans. Da quando Cory è morto, Lea sta affrontando il lutto insieme alla sua famiglia, e sta prendendo le decisioni appropriate insieme a loro. Si supportano a vicenda mentre subiscono il dolore profondo per questa perdita. Continuiamo a chiedere ai media di rispettare la privacy di Lea e della famiglia di Cory”

Tuttavia mancava il padre dell’attore, Joe, avvisato solo a fatti compiuti dalla sua ex moglie Ann “Ho sempre amato i miei figli e mi mancherà terribilmente Cory. Sono rattristato ancor più dal fatto di non poter essere stato lì per vedere mio figlio prima che fosse cremato”.

Il dolore nel dolore.

Come già detto, anche i colleghi di Glee si sono profusi in dichiarazioni di stima e di affetto, e ora salta fuori che insieme ai produttori quasi tutti erano al corrente della battaglia di Cory contro l’eroina ed erano stati loro a spingerlo ad entrare in rehab.

Secondo TMZ “Fonti vicine alla produzioni dicono che non era un segreto che a marzo lui fosse fuori di sé, ed è diventato ancora più chiaro che stesse avendo una ricaduta, in particolare con l’eroina. Il cast e i produttori erano molto preoccupati, e sapevano di dover affrontare il problema con Cory. Il gruppo si è seduto e ha avuto una conversazione aperta con l’attore, spingendo su quanto teneressero a lui e volessero che si facesse aiutare. Non c’è stata resistenza.. Era sempre stato così grato e consapevole di quanto fosse fortunato. La decisione è stato quella di aiutare l’amico, le necessità dello show sono andate in secondo piano rispetto al suo benessere”.

Dianna Agron ha dichiarato successivamente alla morte dell’amico 31enne “Non ho mai perso un amico, in questo momento difficile mi appoggio a tutti i meravigliosi ricordi che ho condiviso con Cory, in quanti modi era in grado di farci ridere. Glee è stato un dono per tutti noi, ci h dato una famiglia in questo business. Abbiamo perso i denti e siamo cresciuti in questo show. Ci siamo scavati un posto nel cuore dei fans e Cory se lo merita davvero nei cuori di tutti. Era una delle persone più generose e gentili che io abbia mai incontrato. Aveva una mente intelligente e curiosa e un talento enorme. Era amorevole, non solo come me, ma con tutta la famiglia. Il mio cuore va alla sua famiglia e a Lea, e a tutti coloro che stanno soffrendo per la perdita del nostro amico. Ci mancherai Cory. Porteremo sempre un pezzo di te con noi”.
Anche Naya Rivera ha diffuso un comunicato “L’intera famiglia di Glee è profondamente rattristata per questa tragedia. Cory è stato e sempre sarà una parte della mia stessa famiglia e un buon amico. Era una parte speciale di questo mondo e ci mancherà per sempre. Il mio cuore va alla famiglia di Cory e a Lea, e anche se siamo grati per tutti gli auguri, la privacy è molto apprezzata in questo momento di lutto”.

Jane Lynch invece è stata la prima a parlare apertamente del suo giovane collega in tv.

Da Jay Leno l’attrice si è commossa raccontando “Beh, Cory era uno dei cuori più grandi al mondo e una luce davvero brillante. Era uno di quei ragazzi che sa che viviamo di un’aria rarefatta grazie ai regali di questo show, i fantastici regali che ci ha dato. E’ sempre stato consapevole che era un dono. Era così generoso, e un tipo avventuroso. Sai, ho sempre ammirato il fatto che potesse alzarsi e volare in Messico per fare una festa con i suoi amici. Penso che non abbia lasciato nessun giorno non vissuto. Era davvero una luce brillante nella nostra famiglia. Abbiamo perso davvero un ragazzo grandioso. Una volta è volato attraverso tutto il paese per incontrare un bimbo malato che voleva vederlo come suo ultimo desiderio. Ecco che tipo era, un vero donatore”.

Famiglia di qua, famiglia di là.. Però Cory è morto da solo in una camera d’albergo dopo aver passato la serata con tre individui non identificati.

Ed è altrettando curioso vedere Jenna Ushkowitz, Dianna Agron, Jane Lynch e il membro della crew di Glee Aristotle Kousakis, ritrovarsi a pranzo insieme a Los Angeles tutti sorridenti dopo la morte di Cory.

Intanto gli scrittori di Glee lavorano a tutto spiano per riempire il vuoto lasciato dall’interprete di Finn “Glee non è assolutamente cancellato. Lo show è ricco di nuovi ragazzi, aggiunti quando gli altri si sono diplomati, è chiaro che non è uno show su un solo personaggio. I produttori e gli scrittori si stanno prendendo tempo per capire come indirizzare meglio la situazione nel contesto di Glee. Non sono ancora state prese decisioni circa la sceneggiatura, è ancora presto”.

Un ragazzo generoso, brillante, intelligente, di talento e amatissimo.. Come è potuto finire così?

E come potrà Glee afrontare questa terribile perdita? O Lea Michele tornare su quel set?

 

Cory Monteith è morto per un mix di alcol ed eroina. Lea Michele affronta il lutto con la famiglia del fidanzatoultima modifica: 2013-07-18T12:51:00+02:00da jessy912
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *