Le beliebers messe alla prova da Jimmy Kimmel “E’ Dio!” e intanto Justin Bieber canta con Chris Brown

justin bieber, chris brown, belieber, beliebers, jimmy kimmel

Dal mio sondaggio è risultato che Justin Bieber è in assoluto il personaggio che detestate di più nell’universo, persino più di Kim Kardashian e Barbara D’urso.

No, non è vero. Nessuno è più detestabile di Barbara D’Urso, per questo non l’ho nemmeno messa nel sondaggio.

In seconda posizione? Chris Brown!
Dunque, cosa direste se ora vi annunciassi che Justin e Chris hanno inciso una canzone insieme??

Che culo, eh! In realtà Justin e Chris (che avevano già cantanto insieme nel 2011) si sono ritrovati per “Actin Up”, un pezzo del nuovo album di Asher Roth e, a differenza di quello che potreste pensare, Justin non è la voce femminile che canta per la maggior parte del tempo, ma è quella vocetta prepuberale che parte al minuto 2.15.

E mentre Biebs canta “Ho 19 anni ci sto ancora lavorando. Sono in un business rischioso, mi piacciono le donne e i baci alla francese” Brown poetando racconta “Ho appena fatto sesso di gruppo sul mio nuovo jet, così tante ragazza carine, sto lì a chiedermi qual è la prossima?”

Ecco, ammettetelo, in fondo Chris è moooolto più detestabile di Justin.

Ma le più detestabili in assoluto sono le beliebers.

Durante uno degli scorsi episodi dello show di Jimmy Kimmel il presentatore ha messo alla prova la loro fedeltà chiedendo alle fans cosa ne pensassero di alcuni sconcertati finti-comportamenti del loro idolo: dall’aver fatto pipì sulla bandiera americana, all’aver picchiato la nonna, a se avesse o meno il diritto di parcheggiare la sua ferrari nei posti per i disabili, passando per alcuni tremendi tatuaggi..

La conclusione? Un garantismo degno di rete quattro e infine  “Certo che fa bene, lui è come Dio!”

(Dai, Berlu, non essere geloso!)

Questo ed altri video qui sotto.

Le beliebers messe alla prova da Jimmy Kimmel “E’ Dio!” e intanto Justin Bieber canta con Chris Brownultima modifica: 2013-07-01T14:40:00+02:00da jessy912
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *