Emma Watson parla di The Bling Ring e rivela “Dopo Harry Potter ho pensato di non fare più l’attrice”

emma watson, the bling ring, sofia coppola

E’ stato un decennio (e poco più) piuttosto impegnativo per Emma Watson (23).

Durante la promozione di The Bling Ring di Sofia Coppola l’attrice ha ammesso che crescere sotto i riflettori di Harry Potter è stato travolgente, soprattutto quando alla fine le luci si sono spente.

“Praticamente ho preso due anni di pausa e mi sono allontanata il più possibile dagli occhi del pubblico. Voglio dire, i film di Harry Potter stavano ancora uscendo e mi sono presa il tempo per cercare davvero di capire chi fossi e cosa volessi fare. Ho anche considerato l’idea di non fare più l’attrice”.

Whaaaat?!? Per fortuna ci ha ripensato, o i tanti meravigliosi film di cui è stata (e sarà) protagonista avrebbero sicuramente perso una grande fonte di charme e talento.

Tornando al suo ruolo nel film di Sofia Coppola “Penso che tutti possano capire quegli anni adolescenziali in cui senti la pressione di fare quello che fanno i tuoi amici, ad essere molto attento al tuo aspetto, ad integrarti. Quello con cui non sono davvero riuscita ad identificarmi è stato il fatto che io sono una persona molto riservata, mentre Nicki è un’esibizionista, adora l’attenzione e vuole essere guardata. E’ davvero l’opposto di me da quel punto di vista!”

E’ sempre stano quando un personaggio pubblico, soprattutto un’attrice, dice che non ama l’attenzione.. Tuttavia nel caso della discreta e professionalissima Emma Watson, non fatichiamo a crederle.

Qui sotto due video della première, nel secondo Emma ribadisce per la 300esima volta “Non so più come dirlo.. No, non ho nulla a che fare con Cinquanta Sfumature di Grigio!

 

Emma Watson parla di The Bling Ring e rivela “Dopo Harry Potter ho pensato di non fare più l’attrice”ultima modifica: 2013-06-10T11:10:00+02:00da jessy912
Reposta per primo quest’articolo
2 Comments

Rispondi a Lea Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *