“Una Notte da Leoni 3” da record, ma la critica lo affossa

una notte da leoni, una notte da leoni 3, ed helms, bradley cooper, zach galifianakis, justin barthaCome previsto, Una Notte da Leoni 3 sta sbancando tutti i botteghini.

E come previsto, sebbene i critici l’abbiano definito deludente, forzato, ‘dolorosamente poco divertente’ e ‘semplicemente brutto’, il pubblico sta continuano a premiare le improbabili avventure di Zach Galifianakis, Bradley Cooper, Ed Helms e Justin Bartha, ritornati a dove tutto è cominciato: Las Vegas!

In Italia i primi quattro giorni di proiezione hanno regalato all’ultimo capitolo della saga comica di Todd Phillips più di sei milioni di euro, consacrandolo come il miglior debutto di una commedia americana in Italia.

Qui sotto un video dietro le quinte con le interviste al cast e le critiche.

E voi l’avete visto?

Vi è piaciuto Una Notte da Leoni 3?
  
pollcode.com free polls 

Ecco le critiche:

Jackie K. Cooper – jackiekcooper.com: non così bello come l’originale, ma meglio che il secondo film.

Danny Minton – Fort Bend Sun: Nel complesso, il film soffre di una mancanza di ispirazione. Il desiderio di produrre un sequel escludeva la necessità di creare un altro film leggendario.

Tony Medley – Tolucan Times: Questa mediocrità non è così male come la seconda, ma è ancora terribile.

Rob Vaux – Mania.com: gode di una buona idea, che è stata allungata ben oltre il suo punto di rottura.

Susan Granger – SSG Syndicate: non è una commedia… è un rimaneggiamento di un tiepido materiale stantio che non è più divertente.

Blake Howard – 2UE That Movie Show Online : The Hangover Part III è una vittima delle esigenze di un pubblico che vuole di più, di uno studio che vuole incassare e di un regista che non sa dire di no.

Katherine Monk – Canada.com: Neppure le sequenze d’azione offrono molto di suspense perché sembra artificioso e generato al computer.

Mark Keizer – Alt Film Guide: Quello che una volta era totale anarchia sembra ora meccanico e stanco.

Kurt Loder – Reason online: Dolorosamente poco divertente.

John Hanlon – Big Hollywood: Questo sequel è antipatico, poco divertente e disgustoso, un grido lontano dall’originale.

Charlotte O’Sullivan – This is London: Hanno ovviamente deciso di mettere Alan al centro della scena e di vedere cosa succede. Per fortuna, perché il personaggio è veramente bizzarro, e Galifianakis è un attore intelligente, funziona.

Rob Carnevale – The List: L’intero sforzo sa di disperato franchising.

Cameron Williams – The Junkie Popcorn: Se la parte 2 era un clone del suo predecessore, la parte 3 è la spazzatura genetica rimasta a replicare il successo del primo film.

William Bibbiani – CraveOnline: Una commedia abbastanza divertente, meglio di The Hangover Part II.

Sara Maria Vizcarrondo – Movies With Butter: Lo script geme ad ogni colpo di scena e sospira con ogni battuta.

Christopher Tookey – Daily Mail [UK]: Alla proiezione a cui ho partecipato, non ha riso nessuno.

Mike McGranaghan – Film Racket: Una notte da leoni ha ufficialmente sostituito The Matrix come la trilogia cinematografica con il più grande calo.

Richard Roeper – Richard Roeper.com: Il Regista Todd Phillips offre un film così diverso dai primi due, e non sono nemmeno sicuro che dovrebbe essere una commedia.

Scott Weinberg – GeekNation: Esiste per i produttori, lo studio, e nessun altro.

Chris Bumbray – JoBlo’s Movie Emporium: questo ultimo film sembra un onesto sforzo per mettere fine definitivamente ad una serie che è stata vittima del suo stesso successo. Peccato che questa fine definitiva significa fare un film così brutto che nessuno avrà alcun desiderio di vederne una quarta parte.

Peter Canavese – Groucho Reviews: Meno come un film e più come un obbligo contrattuale.

Nell Minow – Beliefnet: deludente e diminuisce i bei ricordi di quello originale.

Justin Craig – FoxNews.com: Il più debole dei tre film e in realtà dovrebbe solo fare appello agli irriducibili fan del franchise. Il film è annunciato come “la fine”, ed è un sollievo.

Clint O’Connor – Cleveland Plain Dealer: Zach Galifianakis è in ottima forma, ma Mr. Chow è meglio a piccole dosi.

Greg Maki – Star-Democrat (Easton, MD): “The Hangover Part III” semplicemente non è divertente.

Odie Henderson – Chicago Sun-Times: Ho dovuto aspettare fino alla metà dei titoli di coda per la mia prima, e unica, risata.

Josh Bell – Las Vegas Weekly: quello che una volta era fresco e divertente è ora solo odioso e logoro.

Joe Williams – S. Louis Post-Dispatch: Qui i personaggi sono ritagli di cartone, collocati in situazioni difficili che non sono lontanamente veri. O divertenti.

Ali Gray – TheShiznit.co.uk: Un po’ come una vera e propria sbornia, il film lascia dietro di sé un gusto acido e una sensazione sgradevole.

Jim Slotek – Jam! Movies: Aspetta … che cosa? Si tratta di una commedia? Ma … ma … non ci sono risate!

Jon Niccum – Kansas City Star: Il film offre alcuni rari momenti di risata, ma non è mai noioso.

Ty Burr – Boston Globe: Non è terribile. E’ solo brutto.

Louise Keller – Urban Cinefile: Purtroppo la sbornia è proprio finita. Purtroppo, perché avrebbe potuto essere divertente, come il primo film.

Alessandra Levantesi Kezich – La Stampa: (…) peripezie varie, che si traducono all’occasione in scene da film d’azione, come se il regista Todd Phillips avesse voluto alzare il livello di spettacolarità per sopperire alle lacune di un copione meno inventivo dei precedenti. Tuttavia la squadra d’interpreti funziona sempre alla grande e, nei momenti migliori, la comicità risulta tanto irriverente quanto liberatoria.

Dario Zonta – l’Unità: Il terzo capitolo della mini saga dei “leoni” (che non era previsto andasse oltre il primo film, ma che invece si è rivelato un caso cinematografico e commerciale) si appoggia su escamotage narrativi molto pretestuosi, e talvolta inefficaci, che ammosciano il ritmo e la verve di personaggi nati per essere sempre sopra le righe. Ma la saga doveva chiudersi e questo terzo capitolo doveva necessariamente essere più “intimista” e maturo.

Maurizio Acerbi – il Giornale: Apprezzabile il tentativo di dare un tocco più maturo alla chiusa finale della trilogia ma bastava osare di più. O fare semplicemente, ciò di cui si era capaci.

“Una Notte da Leoni 3” da record, ma la critica lo affossaultima modifica: 2013-06-04T11:41:18+02:00da jessy912
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *