Il dottore di Angelina Jolie racconta la mastectomia, e Brad “Mi commuovo se ci penso, ma ci ha reso più forti”

brad pitt, angelina jolie, mastectomia, tumore

Quest’oggi Brad Pitt (49) ha parlato con USA Today della coraggiosa Angelina Jolie (37), e della sua scelta di sottoporsi ad una doppia mastectomia preventiva per ridurre le possibilità di sviluppare un tumore.

Brad ha dichiarato “Mi emoziono abbastanza riguardo a questa cosa. Avrebbe potuto mantenerla segreta, e nessuno ne avrebbe mai avuto un’idea dati gli ottimi risulati. Ma era davvero importante per lei condividere la sua storia e che gli altri capissero che questa cosa non deve spaventarli. Infatti, può renderti più forti, e ci ha resi più forti”.

Per dimostrarlo, l’attore ha rivelato che Angelina ha viaggiato con tutti i figli (Maddox, 11, Pax, 9, Zahara, 8, Shiloh, 6, and twins Knox and Vivienne, 4) tra il Congo, Londra e New York “Durante la fase due. Letteralmente, è avvenuto poche settimane dopo l’operazione maggiore”.

E i bambini come hanno reagito? “Abbiamo messo in scena il nostro piccolo trattamento post operazione, ed è stato abbastanza divertente. Ne abbiamo fatto un’avventura”.

A posteriori “Sono stati alcuni mesi emozionanti e fantasticamente d’ispirazione per noi. E’ un meraviglioso sollievo superare questo e non aver più uno spettro sopra le nostre teste.. Questa cosa non ci influenzerà più. La cosa di cui sono più orgoglioso è la nostra famiglia. E il tumore non se la prenderà”.

Dopo l’articolo di Angelina, anche la sua dottoressa, Kristi Funk, ha deciso di scrivere un articolo informativo sull’esperienza dell’attrice (alla faccia della privacy) “A patient’s Journey: Angelina Jolie”:

Il 2 febbraio 2013, Angelina Jolie è entrata nella sala operatoria per la prima operazione, la rimozione dei capezzoli. Il suo compagno, Brad Pitt, era in attesa di accoglierla non appena si fosse ripresa dall’anestesia, come durante ogni operazione. Dopo l’operazione, la sua pelle era leggermente livida, ma presto è tornata alla normalità. Due giorni dopo la procedura, è arrivata una grande notizia, il tessuto dietro entrambi i capezzoli era perfettamente normale.

Il 16 febbraio ha avuto luogo l’operazione maggiore, che può durare fino a 8 ore. La mastectomia è andato bene, con linfonodi sentinella identificati, ma non rimossi. Dopo la mastectomia, ho assistito il chirurgo plastico, il dottor Jay Orringer, nella prima fase di ricostruzione del seno mettendo espansori tissutali con allotrapianto.

Penso che il recupero abbia rispettato le aspettative, Angelina immaginava di sentirsi bene e di essere attiva. Lunedì il patologo è tornato e ho chiamato Angelina per confermare la nostra più grande speranza: tutto il tessuto del seno era benigno. Il quarto giorno dopo la mastectomia, sono stata felice di trovarla non solo allegra ma con un’energia travolgente e due muri di casa sua coperti di storyboards per il suo prossimo progetto da regista. Mentre mi parlava sei tubi drenanti le uscivano dal petto, tre da ogni lato, fissati con una cintura elastica alla vita.

Il giorno successivo ha avuto la sua prima iniezione di soluzione salina negli espansori, iniziando così il processo che avrebbe gradualmente preparato i tessuti per la fase finale, la ricostruzione. Quattro dei sei tubi drenanti sono stati rimossi. Quattro giorni dopo, il giorno postoperatorio nove, gli ultimi due canali sono stati rimossi. Un secondo riempimento salino è avvenuto il 4 marzo. Nel corso delle quattro settimane successive lei era già al lavoro.

L’operazione finale è avvenuta il 27 aprile 2013, dieci settimane dopo la mastectomia: la ricostruzione del seno con degli impianti. L’operazione è andata estremamente bene, mettendo fine al suo viaggio chirurgico

Che dire? Alla luce di questo resoconto, Angelina ci sembra ancora più forte e degna di stima.

L’attrice è inoltre decisa a farsi rimuovere anche le ovaie, poiché ha ancora il 50% delle possibilità di sviluppare un tumore, lo stesso che causò la morte della madre nel 2007 “Ho cominciato con il seno perchè il mio rischio di sviluppare un tumore lì è più alto, e l’operazione più complessa”.

Vi è piaciuto questo post? Commentate o cliccate mi piace! 😉 Grazie

Il dottore di Angelina Jolie racconta la mastectomia, e Brad “Mi commuovo se ci penso, ma ci ha reso più forti”ultima modifica: 2013-05-15T22:47:00+02:00da jessy912
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *