Roma ha il suo vescovo: Jorge Mario Bregoglio è Papa Francesco

papa francesco, jorge mario bergoglio

Dopo una giornata a fissare il comignolo del Vaticano in attesa di Babbo Natale della fumata bianca che annuncia l’elezione del nuovo vescovo di Roma, poco dopo le 20 siamo riusciti a vedere il nuovo Papa: Jorge Mario Bergoglio, nato a Buenos Aires, in Argentina, il 17 dicembre 1936.

Un giovinetto di 76 anni, nato da una famiglia di origini piemontesi (frazione d’Asti), in gioventù fidanzato e ballerino di tango, famoso tra i cardinali romani soprattutto per gli aneddoti sulle banane.

Non era tra i papabili (…) eppure è diventato il 266esimo Pontefice, il primo papa sudamericano della storia, il primo non europeo dopo 1300 anni e il primo gesuita (NON francescano, GESUITA!)

Come se non bastasse quando è salito al balcone di San Pietro per salutare la piazza gremita ha fatto la battuta “Voi sapete che il dovere del Conclave era di dare un vescovo a Roma… sembra che i miei fratelli cardinali sono andati a prenderlo quasi alla fine del mondo.”

ps Potevano recuperarti anche un congiuntivo già che c’erano no?

Pps Ora immaginate l’entusiasmo esagerato di Bossari, Adam Kamon e tutta la redazione di Mistero.. Non siete felici che sia stato eletto Jorge?

Comunque il nuovo Papa si farà chiamare Francesco, in onore del capitano della Roma (ma l’hanno già avvertito che sarà sempre il secondo Francesco della Capitale)? Per San Francesco d’Assisi o per il missionario gesuita, a sua volta santo, Francesco Saverio?

Non illudetevi, non è ne per la prima né per la seconda, eh si è per Francesco Saverio.

Entusiasmo invece tra i calciatori argentini (Maradona “è un orgoglio e onore per tutti gli argentini” e Messi “Un Papa argentino! Quanta felicità! Francesco I mi piacerebbe dedicarti il Mondiale 2014!“) e tra Barack Obama che ha dichiarato “Il Papa dei poveri”.

Qualcuno spieghi al presidente americano che non ha capito niente, e che per la Chiesa Cattolica questo non è certo un complimento.

Non illudetevi infatti per una croce di ferro e il conto pagato all’hotel (da quando al Papa è concesso scappare senza pagare?) Bergoglio è solo un’operazione di marketing.

Ieri i media rimbalzavano ovunque le notizie sulle sue umili origini, la contrarierà agli sprechi e al lusso, le velleità da ballerino e la fidanzata in gioventù, però taceva sulle ombre di collusione con la dittatura argentina, la contrarietà ai matrimoni gay e tanto altro.

Il nuovo papa ha un accento caldo, si chiama Francesco e ha chiesto al popolo di benedirlo. Conta solo questo per le migliaia di persone che hanno passato la giornata ad aspettare il nuovo pontefice.

E in un momento spariscono i preti pedofili (difesi da quegli stessi cardinali presenti in conclave), i conventi arricchiti, le ipocrisie, l’opportunismo, l’imu non pagato, l’omofobia ed il sessismo di questa istituzione.

Magari Francesco ci sorprenderà, ma per ora l’Habemus Papam di ieri è stato solo una campagna di comunicazione perfettamente orchestrata.Il

Dato che questo blog ha uno stampo prevalentemente americano qui sotto trovate alcuni commenti di personaggi casuali oltreoceano:

Snooki: Yay Papa Bergoglio!! E’ adorabile

Aziz Ansari: Mi sento positivo sulle mie possibilità per diventare il nuovo papa. Il mio agente dice che dovrei sapere qualcosa oggi.

Seth Rogen: C’è fumo bianco che esce anche dal mio ufficio, ma nessuno sembra così eccitato

Joan Rivers: E’ stato scelto un nuovo papa! Non ho mai visto così tanta gente sconvolta da una fumata bianca dalla scoperta del fuoco

Mario Lopez: un grande momento per la chiesa per quelli di noi che si chiamano cattolici. Spero che Papa Francesco arrivi con cuore e mente aperta.

David Arquette: No chiamate il nuovo papa Francesco, si chiama Frank, se non lo chiamate così vi ucciderà.

Kathy Griffin: Non ho fatto molta attenzione alla mia vecchia religione. Questo tipo è single?

Roma ha il suo vescovo: Jorge Mario Bregoglio è Papa Francescoultima modifica: 2013-03-14T22:08:00+01:00da jessy912
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *