E’ morto Lucio Dalla

lucio dalla, morte lucio dalla, infarto lucio dalla, montreaux, roberto serra,

Lucio Dalla avrebbe compiuto 69 anni il prossimo 4 marzo, ed invece è stato stroncato da un attacco cardiaco questa mattina mentre si trovava a Montreaux, in Svizzera, dove ieri sera aveva dato il primo di una serie di concerti con cui avrebbe girato il paese.

Solo poche settimane fa l’avevamo visto dirigere e cantare Nannì al Festival di Sanremo insieme al giovane Pierdavide Carone, ed oggi la notizia della sua morte improvvisa ci coglie del tutto impreparati.

Dalla è stato uno dei più affermati ed amati cantautori italiani, una carriera artistica che sfiora i 50 anni, e che si è interrota bruscamente questa mattina a mezzogiorno circa, a dare la notizia alle 12.10 sono stati i frati della basilica di San Francesco d’Assisi, via twitter.

Questo il ricordo dei frati di Assisi: «È morto Lucio Dalla, dolore e sgomento della comunità francescana conventuale di assisi per l’improvvisa scomparsa del cantautore di dio. I frati del sacro convento sono sicuri e certi che San Francesco lo accoglierà per portarlo alla presenza del signore. Lucio dalla é morto dopo aver fatto colazione. Un attacco cardiaco l’ha stroncato mentre si trovava in svizzera per una serie di concerti».

L’amico storico di Dalla, il fotoreporter Roberto Serra, non è riuscito a credere alla notizia «L’ho sentito ieri sera, è vivissimo».

Più tardi quando la notizia è divenuta ufficiale ha dichiarato “Non è possibile, mi ha telefonato ieri sera, stava benissimo, ed era felice, tranquillo, divertito e in pace con se stesso. Era contento per un’intervista che gli avevano fatto e per il tour europeo che aveva appena cominciato. Diceva che era emozionante ritrovare i luoghi di un analogo tour di trent’anni fa e di trovare, pur nella diversità delle situazioni, la stessa positiva risposta di pubblico di allora. Era a Zurigo, Stava andando a Montreux, era felice“.

E giù lacrime..

E’ morto Lucio Dallaultima modifica: 2012-03-01T13:49:00+01:00da jessy912
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *