Oscar 2012 – Un bacio gay tra Billy Crystal e George Clooney, l’apparizione strategica di Justin Bieber e tante parodie

oscar 2012, apertura oscar 2012, parodie billy crystal oscar 2012, academy awards 2012, bacio gay billy crystal george clooney, billy crystal justin bieber, justin bieber oscar 2012

Quest’anno la conduzione dell’84esima edizione degli Academy of motion picture arts and sciences Awards, meglio conosciuti come Premi Oscar, è stata affidata per la nona volta a Billy Crystal, dopo le dimissioni dell’ultimo minuto di Eddie Murphy.

L’attore ha cominciato la serata con una superparodia dei film dell’ultimo anno cinematografico e con il consueto discorso di rito, all’interno del quale ha seminato vari riferimenti ai film in concorso.

Una delle scene più divertenti e discussa è stata sicuramente quella in cui Billy interpreta la moglie morente di Clooney nel remake di “Paradiso Amaro” (con cui George era in lizza nella categoria Miglior Attore) e i due attori finiscono per baciarsi.

Ma un’altra parodia che ha fatto sensazione è stata quella dedicata a Midnight in Paris, in cui Justin Bieber arriva all’interno di una carrozza chiama Crystal, che gli chiede “Cosa ci fai qui?”, così Justin spiega “Ti sto dando la percentuale di pubblico tra i 18 e i 24 anni. Per quanto devo restare seduto qui?” “Credo che un paio di secondi possano bastare” e i due si scambiano alcuni sguardi imbarazzati.

Infine Billy chiede “Quindi che cosa fate ora?” e Justin risponde “Usciamo con Hemingway e Fitzgerald” (Bieber sa chi sono?!), a questo punto interviene l’altro passeggero della limousine occupata da Justin, che interpreta Sammy Davis Jr, esclamando “Poi andremo ad uccidere Hitler!” Billy resta interdetto ma Sammy cambia argomento e dice “Billy, il Biebs è il giovane Sinatra, oppure sono pazzo?“ 

Il video dopo il continua.

Oscar 2012 – Un bacio gay tra Billy Crystal e George Clooney, l’apparizione strategica di Justin Bieber e tante parodieultima modifica: 2012-02-27T19:10:00+01:00da jessy912
Reposta per primo quest’articolo
5 Comments