L’FBI e il dipartimento di giustizia americano hanno chiuso Megavideo e Megaupload: attacchi degli hacker, crisi degli utenti e soluzioni da condividere

megavideo, megaupload, chiusura megavideo, chiusura megaupload, kim schmitz, dipartimento giustizia, fbi chiusura megavideo, violazione copywright, siti per lo streaming, scaricare senza megavideo, scaricare film, siti consigliati streaming, scaricare film

E’ da ieri, 19 gennaio, che in rete si sta consumando uno psicodramma!

Le autorità federali americane, in collaborazione con il dipartimento di Giustizia, ha messo i sigilli a Megaupload e Megavideo, il noto sito di file-sharing e tredicesimo sito più usato del mondo.

Il Dipartimento di Giustizia americano ha rilasciato un comunicato per spiegare che il sito avrebbe violato il copyright di compagnie cinematografiche e discografiche provocando danni per 500 milioni di dollari.

Il fondatore Kim Schmitz è stato arrestato insieme ai suoi soci e rischia fino a 50 anni di carcere.

In un comunicato pubblicato poco prima della chiusura, Megaupload bollava come ridicole le accuse di violazione del copyright, affermando che “la stragrande maggioranza del traffico generato dal sito è legale. Siamo qui per restare”, garantiva Megaupload, aprendo al dialogo con l’industria dell’entertainment che, scrivevano gli autori del messaggio, “vuole avvantaggiarsi della nostra popolarità”.

Di tutt’altro avviso il Dipartimento di Giustizia, secondo il quale Megaupload “ha riprodotto e distribuito illegalmente su larga scala copie illegali di materiale protetto da copyright, tra cui film – anche prima dell’arrivo in sala – musica, programmi televisivi, libri elettronici e software. Le accuse nei confronti degli indagati sono pesanti: associazione a delinquere finalizzata all’estorsione, al riciclaggio e alla violazione del diritto d’autore. Rischiano oltre 50 anni di prigione ciascuno.

(Repubblica.it)

 

Un’ora dopo la diffusione del comunicato, il sito del Dipartimento di Giustizia americano ha subito diversi attacchi hacker che l’hanno messo fuori uso, e fino a poche ore fa Justice.gov risultava ancora irraggiungibile.

Ora, ci tengo a rassicurare tutti i fedelissimi dello streaming: esistono altre decine e decini di siti e modi per visualizzare film e video gratuitamente grazie alla rete, e altre decine nasceranno a breve.

Rilassetevi e ricominciate a respirare.. la situazione è assolutamente risolvibile!

Io negli ultimi 2 anni non ho più usato Megavideo se non in situazioni di assoluta emergenza.

Vi do qualche suggerimento dopo il continua.

Io negli ultimi 2 anni non ho più usato Megavideo se non in situazioni di assoluta emergenza.

Vi do qualche suggerimento dopo il continua.

Esisto fantastici siti (ecco i miei due preferiti per le serie tv 1, 2) che raccolgono i link per scaricare o visualizzare film e puntate grazie a Fileserve, Filesonic, Filejunge, Wupload, Videoweed..

Per non parlare di tutti gli archivi di file torrent…(il mio preferito è Kickass)!

Se voi usate altri metodi condivideteli.

L’FBI e il dipartimento di giustizia americano hanno chiuso Megavideo e Megaupload: attacchi degli hacker, crisi degli utenti e soluzioni da condividereultima modifica: 2012-01-20T16:19:00+01:00da jessy912
Reposta per primo quest’articolo
2 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *