Sara Leal intervistata da US Weekly: la sua notte con Ashton

ashton kutcher, sarah leal, ashton kutcher tradimento, amante ahston kutcher, corna demi mooreSara Leal, la donna che sostiene di aver intrattenuto Ashton Kutcher il giorno del suo sesto anniversario di matrimonio con Demi Moore, ha rilasciato un’esclusiva intervista a Us Weekly in cui racconta cosa accade la notte del 24 settembre all’Hard Rock Hotel di San Diego.

La Leal (22) racconta di essersi buttata nuda nell’idromassaggio sul balcone della suite con Ashton (33) ed un’altra ragazza prima di avere, presumibilmente, un rapporto sessuale non protetto.

E’ arrivato e mi ha baciata improvvisamente” a quanto pare poi Ashton le avrebbe detto che era “separato” e la Leal si sarebbe ritrovata magicamente nuda senza accorgersene..

Più tardi quella mattina, dopo essere usciti dalla vasca, lui si sarebbe tolto l’asciugamano e le avrebbe levato l’accappatoio.. “Poi abbiamo fatto sesso. E’ stato bello.. non strano o perverso!

(E a quanto pare non c’erano preservativi coinvolti)

Dopo il secondo rapporto sessuale Ashton avrebbe confessato “Mi piacicono queste cose, sono un attore e il 90% delle volte fingo. E’ bello avere dei momenti autentici.

Ci vogliamo credere? La Leal non mi sembra una fonte attendibile..

Da questa intervista ne esce raccontandosi come un ingenuotta ragazzina del texas che si è presa una sbandata di un notte per un attore che aveva voglia di vivere un rapporto vero e spontaneo, peccato che svariate fonti raccontino una pregressa conoscenza tra i due, ed una relazione che precede questo 24 settembre.

Ashton e Demi  non hanno ancora commentato pubblicamente, ma la risposta migliore a tutto questo vortice di gossip è l’improvvisa partenza per una vacanza da campeggiatori con una coppia di amici.

Che la Leal sia semplicemente l’ennesima ragazzina che cerca di emergere dall’anonimato con uno scandalo sessuale?

 

Sara Leal intervistata da US Weekly: la sua notte con Ashtonultima modifica: 2011-10-12T13:05:00+02:00da jessy912
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *