Marco Mengoni parla delle dichiarazioni di Tiziano Ferro e Fabri Fibra

marcomengoniferrogay.jpgMarco Mengoni, vincitore del Best Italian Act, in occasione del rilascio del cd/dvd Re Matto live, ha risposto ad alcune domande ‘prevedibili’ che gli sono state poste. In primis, non poteva mancare il commento al coming out di Tiziano Ferro. Tutto questo per una semplice ragione: non è la prima volta che al vincitore di X Factor 3 vengono chiesti lumi sulla propria sessualità, inutilmente. L’occasione era ghiotta per punzecchiarlo proprio su quell’argomento. E lui ha risposto, dichiarando però di non essere interessato a dare dettagli sulla sua vita intima:

“Come ha detto Elisa che è stata interpellata sulle parole di Ferro ’stavo lavorando e sto lavorando’. Parlo per me ovviamente, secondo me chi se ne frega se un artista va con gli uomini o con le donne? Lo vedo sul palco e compro il suo disco, basta così no? Ha fatto bene Tiziano Ferro a parlarne ma ho l’impressione che poi si sia gridato alla notizia scandalo…”

Che uno stia lavorando o meno (lo facciamo quasi tutti, no?), la notizia pare essere presa, in un certo senso, con snobismo. È voluta ‘indifferenza’ perché non c’è nulla di cui sindacare o giudicare? Giustissimo, se vista sotto quell’ottica. Non sono molto d’accordo sul senso della ‘notizia scandalo’: forse per politically correct o per buonismo, raramente ho letto e sentito interventi contrari o indignati per il coming out di Tiziano Ferro.

Evita anche la polemica per la storica citazione di Fabri Fibra nella sua canzone, in cui faceva quasi una parodia ‘omofoba’ di Mengoni, schifato all’idea di essere a letto con una donna:

“Ho notato che la televisione italiana dà l’idea che ci sia molta tolleranza nei confronti del mondo gay, ma la realtà non è così. Mi è capitato di leggere i giornali che raccontavano di pestaggi per strada contro gli omosessuali. Secondo me, certi personaggi come Mengoni dovrebbero parlare apertamente anche della loro sessualità perché così “educano” e veicolano un messaggio di normalità ai fan e non solo, come è giusto che sia.” ha detto Fibra.

Ed ecco qui sotto un estratto del brano:

“Secondo me Mengoni è gay ma non può dirlo
Perché poi non venderebbe più una copia
Già me lo vedo, in camera arriva una figa
Prende il suo cazzo in mano e lui “lasciami, ti prego!””

Mengoni ha semplicemente risposto: “La musica è libertà e ognuno deve e può dire quello che pensa a prescindere poi dalle intenzioni per cui lo fa”

E sotto al motto di ‘Volemose bene’, ecco le opinioni di Mengoni sulle due notizie. Pensate anche voi che la dichiarata omosessualità poteva essere ‘evitata’ e che abbia creato effetto scandalo? Ma invece credo che abbia creato un effetto, invece, positivo: la notizia è stata sicuramente ripresa e discussa, ma il più delle volte come passo coraggioso ed orgoglioso di un ragazzo famoso.

Per dovere di cronaca, qualche giorno fa, Marco Mengoni è stato ‘pizzicato’ come cliente in un locale gay. E mi è capitato di leggere anche di allusioni per la sua presenza in un simile locale: Marco Mengoni è gay? si chiedevano alcuni siti. Non lo so, non lo sappiamo, alla fine non deve essere una caccia alla streghe o rischiamo veramente di autoisolarci sempre più (se entri in un locale gayfriendly sei bollato a vita! Paura!) ma di certo, finora, è che se anche lo fosse, non sarebbero dettagli di cui Marco parlerebbe pubblicamente.

Fonte: queerbloog

Ma immagino che, tali dettagli, non sorprenderebbero nessuno!

Marco Mengoni parla delle dichiarazioni di Tiziano Ferro e Fabri Fibraultima modifica: 2010-10-19T21:11:00+02:00da jessy912
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *